Per credere bisogna:

1) trovare credibile la teoria che c'è dietro, e per questo è necessario conoscerla, e 

2) sperimentare personalmente.

----------------------------------------------

1) Per conoscere la teoria ho scritto il libro LA VITA INIZIA NELLA COMFORT ZONE di cui puoi sapere di più cliccando qui

Inoltre ho scritto tanti articoli sul mio blog, in questo modo puoi vedere se le cose che dico ti risuonano. 

Poi ci sono le numerose testimonianze che negli anni ho ricevuto da chi ha seguito i miei percorsi che puoi trovare qui

Farmi delle domande specifiche che ti permetterebbero di credermi, puoi scrivermi all'indirizzo info@quietmood.it

2) per sperimentarla personalmente e comunque preferibile conoscere un minimo di cosa si tratta per cui ti rimando al punto 1. 

L'importante della sperimentazione, affinché abbia un buon riscontro in termini di efficacia, è affidarsi al processo e mettere in conto il non funzionamento, limitando i danni. 

Io cerco di aiutare in questo in diversi modi. Cerco di selezionare le persone che potrebbero giovare della strategia Quietmood, avendo l'atteggiamento giusto, le richieste più consone e le risorse necessarie a sperimentarla in tutta serenità. Questo attraverso l'analisi della tua candidatura, per capire se hai i requisiti giusti per giovare dell'approccio.

Ho creato un incontro speciale che è d'aiuto di per sè, un'unica sessione che ho chiamato comfortmap

Se già si è avuto un buon riscontro in questa prima sessione reciprocamente, dopo si può procedere con un altro step che comunque è delimitato, ma lungo abbastanza per verificare con certezza la sua utilità o meno, partendo da basi già solide.

In ogni caso, devo dire, è sempre utile anche questa fase del percorso, in quanto informativa, dato che si sperimentano delle azioni che aiutano a indicare quali vie possono funzionare per te, in alternativa. 

Oltre alla strategia in sè, ci sono tanti fattori concomitanti con l'efficacia di un intervento. Quello che ho cercato di fare io con il mio approccio, è stato quello di ridurre al minimo i fattori che non portano ai risultati, ed avere comunque sempre dei risultati significativi a qualche livello. 



IMAGE